Cloud, Cisco ha fatto i conti in tasca alla “nuvola”

In questi ultimi giorni sentiamo spesso e volentieri di questa famosa nuvola o meglio “cloud” e finalmente Cisco ha deciso di fare due conti in tasca al nuovo fenomeno tecnologico dilagante soprattutto in America e ancora poco in Italia.

Attraveso la Cisco Global Cloud Index si è riusciti a misurare la quantità dei dati relativi al traffico della nuvola e a prevedere quello che succederà da qui al 2015. Secondo le previsioni, infatti, sembra che il cloud sia destinato a raggiungere una crescita di dodici volte il suo volume attuale.  

Se nel 2010 il traffico generato dai servizi non cloud aveva un volume pari 1.1 zettabyte, il cloud ne contava appena 130 exabyte ma nel 2015 arriverà a 1,6 zettabyte soppiantando, per quanto possibile, i restanti servizi che ora occuano il 90% del traffico totale. Attualmente lo scambio più intenso è quello che avviene negli Stati Uniti dove il 27% del traffico è già cloud mentre in Italia stiamo ancora un pò arrancando, siam dietro anche alla media europea dove il traffico totale arriva già al 26%.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 30/11/2011
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Lascia un commento

Favole e Fantasia

Galleria

Accedi | Copyright 2009-2016 TabletMania.org è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655