Cloud, tablet e smartphone, garante della privacy mette in allerta dal “diavolo”

Sono un pochino stanca di sentire dire e ridire la parola privacy. In un mondo così globale e tecnologico esiste davvero la privacy? Satelliti, telecamere, intercettazioni, il diavolo è davvero il cloud? O i tablet e gli smartphone?

Il presidente dell’ autorità garante della Privacy, Francesco Pizzetti, nella relazione annuale ha evidenziato il fatto che è necessario proteggere la propria privacy e i propri dati durante l’utilizzo dei dispositivi portatili, tablet e smartphone  e anche il nuovo cloud computing. Il garante ha riferito: “Le tecnologie cloud consentono di trattare e conservare i dati su sistemi dislocati nelle diverse parti del pianeta e sottoposti, nella loro inevitabile materialità, a molti rischi, da quelli sismici a quelli legati a fenomeni di pirateria, non solo “informatica”, o ad atti di terrorismo o a rivoluzioni imprevedibili”.

Fermo restando che la rete è importante ormai per tutti, come proteggersi da essa? Potrebbe diventare una delle nuove domande esistenziali come filosofi anni fà si chiedevano se è meglio essere o non essere. Ci sarà una vera risposta a questa domanda? Io penso che le due cose vadano di paripasso, non ci può essere internet e privacy allo stesso momento.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 25/06/2011
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Lascia un commento

Favole e Fantasia

Galleria

Accedi | Copyright 2009-2016 TabletMania.org è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655