App Store: il pomo della discordia tra Apple e Microsoft

Continua la storia infinita di Microsoft contro Apple in una causa che potrebbe finire in tribunale.

Il pomo della discordia questa volta è App Store. Il marchio è stato depositato da Apple nel 2008 ma secondo il colosso di Redmond si tratta solo di un termine generico che può essere utilizzato da qualsiasi società. Il motivo, secondo quanto riferito da Microsoft, stà nel fatto che si tratta di un definizione corrente utilizzata nel commercio, ma anche da utenti, concorrenti e media per indicare diversi store online dedicati soprattutto al mondo mobile.

La prova schiacciante sarebbe proprio una frase dello stesso CEO di Apple, Steve Jobs, che ha dichiarato:   “Oltre al mercato delle app di Google, Amazon, Verizon e Vodafone hanno tutti annunciato che stanno costruendo i propri app store per Android”. E ancora: “Ci saranno almeno quattro app store su Android in cui gli utenti devono cercare per trovare l’app che desiderano e per cui gli sviluppatori devono lavorare per distribuire le loro app ed essere pagati”.

La mozione è stata presentata da Microsoft ieri e ora non ci resta altro che attendere la fase successiva, voi che ne dite?

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 13/01/2011
Categoria/e: Apple, Primo piano.

1 commento per “App Store: il pomo della discordia tra Apple e Microsoft”

  1. Lucius

    Ma Microsoft non ha già il suo store che ha un nome assolutamente unico ed inequivocabile: Marketplace?
    Mica generico come quei cattivoni di Apple.

    Che i signori di redmond, quindi, registrino il loro “App Marketplace”… questo sì che sarebbe un nome assolutamente unico e non fatto di parole di uso comune.

    Che pena….

Lascia un commento

Favole e Fantasia

Galleria

Accedi | Copyright 2009-2016 TabletMania.org è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655